• +39 06 68803978
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
itendees
Sabato, 21 Marzo 2020 09:24

Illuminati

Vota questo articolo
(0 Voti)

Se la Quaresima esige lo sguardo puntato sul Signore, il suo risvolto è uno sguardo nuovo sull’uomo. E’ qui il senso dei miracoli di Gesù compiuti in giorno di Sabato. Non la liberalizzazione di un culto nuovo, ma la libertà offerta a chi lo cerca con cuore sincero. Cercava, il cieco, con lo sguardo spento fin dalla nascita. Lo ha trovato il Signore, sulla soglia del Tempio, la casa degli ultimi e dei diseredati. Giovanni tesse nella sua trama narrativa, il racconto dell’illuminazione del cieco, come  uno dei sette segni, sette gemme, che dicono l’essenziale su Dio e sull’uomo. Il segno narrato, avviene durante la festa ebraica delle Capanne, quando il Tempio risplendeva di luce, e dai suoi gradini scendeva l’acqua della purificazione. Comprendiamo allora, quelle affermazioni  straordinarie con le quali Gesù asserisce la sua divina umanità: “Io sono la luce del mondo”; “Chi ha sete venga a me e beva”. Il cieco non può vedere lo splendore del Tempio illuminato, né da solo riconoscere la strada della sorgente. E’ necessario un “inviato” che gli indichi la direzione: “Io sono la via”. Ma prima di giungere alla sorgente bisogna passare dal fango, bisogna sporcarsi. C’è fango e fango: Quello dei Farisei con il loro sguardo misurato e calcolatore sulla legge che spegne la luce. Quello di Gesù, che mischia la polvere della terra con la sua saliva, per rigenerare l’uomo, per modellare nuovamente il suo sguardo su Dio, sull’umano, sul creato. Il gesto di Gesù era ben noto a chi era solito leggere il libro della Genesi. Il nutrimento di quella “Parola”, non era più possibile alla comunità giovannea, cacciata fuori dalla Sinagoga. Il Quarto Evangelista, raccontando il segno del cieco nato, afferma che un nuovo inizio è possibile per chi ascolta la “Parola” di Gesù, per chi si lascia illuminare dal suo amore, lavare dalla sua vita divina: “Tu credi nel Figlio dell’uomo: E’ colui che ti parla”. A questo punto del racconto colui che è stato inviato a lavarsi, ora è inviato a dire chi è Gesù: un Uomo, un Profeta, il Figlio dell’uomo. E a chi chiede come erano andati i fatti, il novello teologo tutto nato nei suoi peccati, afferma l’essenziale del miracolo: seguirlo, diventare suoi discepoli. Partecipando della vita dei figli, non nati dalla carne e dal sangue, ma da Dio, noi possediamo i suoi occhi, il suo sguardo di novità, che realizza sempre la bontà e la bellezza su ogni cosa.

Davide Carbonaro

Letto 852 volte Ultima modifica il Sabato, 21 Marzo 2020 10:04
Altro in questa categoria: « Ho sete Vieni fuori! »

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Contatti

icona smp ombra

Parrocchia di Santa Maria
in Portico in Campitelli

Piazza Campitelli, 9
00186 Roma Italia
Tel. e fax Parrocchia: 06.68 80 39 78
Tel. e fax Comunità: 06.68 74 28 5
santamariainportico@vicariatusurbis.org 

Video

Newsletter

Nuvola di TAG

Links

Visita i nostri links amici.

Storia dell'Imagine,

e Chiesa di Santa Maria in Portico di Campitelli.

San Giovanni Leonardi

Narrazione dell'immagine di Santa Maria in Portico

© 2020 Parrocchia di Santa Maria in Portico in Campitelli. All Rights Reserved. Powered by VICIS