• +39 06 68803978
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
itendees
Sabato, 13 Giugno 2020 15:06

Frammenti d’amore

Vota questo articolo
(1 Vota)

Cosa rimane di Dio, del Dio della creazione, delle meraviglie, della liberazione, dell’incarnazione, della redenzione? Un frammento di pane, un sorso di vino. Perché, il cuore del miracolo della moltiplicazione o divisione del pane, non sta nel fatto che la gente venga saziata nel deserto, ma che il pane rimane, che il segno di quel miracolo si moltiplica nella mia e nella tua vita. Io sono con voi sempre: promessa realizzata. Quella sera prima di morire stretto ai suoi discepoli, come quel giorno nel deserto, stretto in mezzo alla gente, sentendo compassione per la loro fame non del corpo, ma del cuore, Gesù attiva la memoria. Strano meccanismo la memoria: quando ci siamo noi spesso lei non c’è, e quando c’è lei noi non ci siamo. Ecco perché Gesù lega la memoria al fare: “Fate questo in memoria di me”. Così Maria, donna della memoria pratica, dice ai servi: “fate tutto quello che egli vi dirà”. La memoria è incontro di presenze, è realizzazione piena di chi rimane. Un frammento del Dio di Gesù Cristo in un po’ di pane: innalzato, mangiato, custodito, portato, adorato. In quel pane è impastata la divinità con la nostra terra e miseria e noi riceviamo quello che siamo ovvero il corpo, l’anima e la divinità di Gesù Cristo. Roba da far tremare le ossa ed è vero, perché in quel mirabile  sacramento nuziale, noi siamo ossa delle sue ossa e carne della sua carne. Il Dio di Gesù Cristo comincia dal piccolo, dal poco, dal frammento, perché il molto possa sussistere, perché l’umano possa essere saziato dalla sua fame di eterno. Saranno i discepoli di ogni tempo ad impastare il pane della vita con lo Spirito di Dio. L’Eucarestia è celebrazione di un incontro e di un cambiamento, ecco perché non possiamo fare a meno di vivere la Pasqua domenicale; è lì che il nostro quotidiano viene trasformato nella speranza dell’eterno. Donare è un verbo che impariamo a declinare intorno alla mensa eucaristica. Lo apprendiamo da Gesù che non ha tenuto per sé nulla, né il suo corpo, né la sua vita, né il suo futuro. Li ha donati a noi, perché i frammenti delle nostre vite diventino sorgenti inesauribili di vita divina.

Davide Carbonaro

Letto 142 volte
Altro in questa categoria: « Dire Dio Aritmetica del divino »

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Contatti

icona smp ombra

Parrocchia di Santa Maria
in Portico in Campitelli

Piazza Campitelli, 9
00186 Roma Italia
Tel. e fax Parrocchia: 06.68 80 39 78
Tel. e fax Comunità: 06.68 74 28 5
santamariainportico@vicariatusurbis.org 

Video

Newsletter

Nuvola di TAG

Links

Visita i nostri links amici.

Storia dell'Imagine,

e Chiesa di Santa Maria in Portico di Campitelli.

San Giovanni Leonardi

Narrazione dell'immagine di Santa Maria in Portico

© 2020 Parrocchia di Santa Maria in Portico in Campitelli. All Rights Reserved. Powered by VICIS