• +39 06 68803978
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
itendees

La Chiesa di S.M. in Portico

Mercoledì, 17 Luglio 2013 00:41

La chiesa di S. M. in Portico

Vota questo articolo
(0 Voti)
facciataLa Chiesa di S. Maria in Portico in Campitelli, sede della omonima Parrocchia, è uno dei più antichi Santuari mariani di Roma. L’attuale Tempio fu costruito dall’Architetto Carlo Rainaldi sul luogo dove sorgeva una vecchia chiesa dedicata a S. Maria in Campitelli.

La costruzione la vollero il Senato, il Popolo Romano ed il Pontefice Alessandro VII, che si erano impegnati con un voto in onore di S. Maria in Portico, in occasione della pestilenza del 1656. Doveva quindi accogliere l’antica immagine taumaturgica di S. Maria in Portico venerata nell’omonima chiesa situata al posto dell’attuale Anagrafe. Il Papa pose la prima pietra il 29 settembre 1660 e concesse per l’occasione alla Madonna il titolo di Romanae Portus Securitatis.

Il 14 gennaio del 1662 fu traslata l’Icona nel nuovo tempio ancora in costruzione. Dicono le cronache che il vicereggente monsignor Carafa “levò la sacra immagine dal suo antico ciborio, posto nella Chiesa di Santa Maria in Portico, e con gran dolore e pianto di tutta quella vicinanza venne trasferita alla Chiesa di Santa Maria in Campitelli dove con gli stessi ornamenti, i quali teneva per avanti, fu collocata nell’altare maggiore per lasciarvela finchè fosse terminato il Santuario per quella destinato”. La costruzione della facciata ad opera dello stesso Rainaldi è stata eseguita tra il 1665-67.

Nel 1703 durante il terremoto che sconvolse la città, il Senato e Popolo Romano ritornarono davanti all’altare di S. Maria in Portico in Campitelli per un voto solenne: la città di Roma avrebbe digiunato per cento anni alla vigilia della Candelora. Con un editto del Papa Clemente XI furono  invitate le Confraternite di Roma a visitare la Chiesa  il 17 luglio per un solenne ringraziamento.

La Dedicazione solenne della Chiesa ormai completata avvenne solo l’11 luglio del 1728 da parte del Cardinale Pompeo Aldobrandi, Vescovo di Neocesarea.

Nel 1747 Enrico Stuart, duca di York, divenne cardinale diacono di Santa Maria in Portico e insieme al padre, Giacomo III, istituirono la Preghiera Perpetua, raccomandando ai Padri Leonardini che ogni sabato si celebrasse la messa con il canto delle litanie alla Vergine, supplicandola per il ritorno della Chiesa d’Inghilterra alla fede cattolica. 

pdf  Depliant NOTIZIE STORICHE - ITALIANO (856.01 kB)
Letto 8581 volte Ultima modifica il Sabato, 19 Ottobre 2019 06:54

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Contatti

icona smp ombra

Parrocchia di Santa Maria
in Portico in Campitelli

Piazza Campitelli, 9
00186 Roma Italia
Tel. e fax Parrocchia: 06.68 80 39 78
Tel. e fax Comunità: 06.68 74 28 5
santamariainportico@vicariatusurbis.org 

Video

Newsletter

Nuvola di TAG

Links

Visita i nostri links amici.

Storia dell'Imagine,

e Chiesa di Santa Maria in Portico di Campitelli.

San Giovanni Leonardi

Narrazione dell'immagine di Santa Maria in Portico

© 2020 Parrocchia di Santa Maria in Portico in Campitelli. All Rights Reserved. Powered by VICIS