Cookie Consent by Popupsmart Website
  • +39 06 68803978
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Sante Messe Festive 10.00-18.30 | Feriali 7.30-18.30
itendees
Sabato, 17 Luglio 2021 08:07

Nel tuo riposo

Vota questo articolo
(0 Voti)

Anche il Creatore si riposò dopo aver distribuito bellezza attraverso l’opera delle sue mani. E chiese all’uomo di fare altrettanto. Il riposo non è solo percezione del limite, è luogo da abitare, presenza da incontrare.  A coloro che Gesù ha scelto perché stessero con lui e per mandarli, chiede il riposo. Mentre il cuore dei discepoli è intento al calcolo, alla misura della missione compiuta, Gesù ha occhi per i dodici. Scorge i loro cuori velati di fatica e tristezza. Li aveva preparati alla delusione, ora li sostiene con la sua presenza, ricordando loro che senza di lui non si può fare nulla.   Venite in disparte. Non uno spazio diverso o un luogo ameno, è Gesù quella parte migliore, da abitare che nessuno ci potrà togliere. Li aveva preparati alla guerra contro il male, a sporcarsi le mani dentro le storie di una umanità divisa e piagata. Un giorno sulla barca i discepoli presero Gesù così come era, ora è lui a prenderli così come sono: con gli occhi pieni di sonno, le mani piene di fango, i piedi segnati dalla strada. E’ in quella intimità con il Maestro che nascono i racconti, che  viene posta sulle labbra della Chiesa la bellezza della narrazione. Hanno raccontato il Vangelo: Dio si fa vicino all’uomo, che pur abitando il suo cielo, condivide le loro storie. Ha scelto me e te, perché questa buona notizia continui ad illuminare lo scorrere dei giorni. Ha scelto un racconto per farsi presente e vivo ogni volta che due o più sono riuniti nel suo nome. Se la fatica dell’annuncio stanca, sarà satana, il divisore, a seminare il sospetto che Dio si è stancato di noi. Maestro dove andiamo? Non ci stancheremo mai del tuo amore. Il Signore continuerà a scegliere uomini e donne fragili, limitati. Meglio dei testimoni a rischio di stress,  che degli eroi tutti d’un pezzo. Il riposo in Dio ci salva dalla rigidità e dall’onnipotenza. Così mentre gli occhi del Maestro sono per i dodici, nel suo sguardo c’è posto per quell’umanità stanca e senza pastore. Gesù apre la sua intimità ai dodici senza risparmiare la sua compassione per la folla. Mentre i suoi sono a riposo il lavoro continua. Lo aveva ricordato nella parabola del seme. Il germoglio cresce nonostante il sonno del contadino. Il riposo è necessario per ricordarti che non dipende tutto da te e che le tue mani sono il prolungamento delle sue.

Davide Carbonaro

Letto 815 volte

Condividi sui social

Contatti

icona smp ombra

Parrocchia di Santa Maria
in Portico in Campitelli

Piazza Campitelli, 9
00186 Roma Italia
Tel. e fax Parrocchia: 06.68 80 39 78
Tel. e fax Comunità: 06.68 74 28 5
santamariainportico@vicariatusurbis.org 

Orari Sante Messe

Sante Messe Festive 10.00-18.30

Feriali 7.30-18.30

Video

Nuvola di TAG

Links

Visita i nostri links amici.

Storia dell'Imagine,

e Chiesa di Santa Maria in Portico di Campitelli.

San Giovanni Leonardi

Narrazione dell'immagine di Santa Maria in Portico

© 2024 Parrocchia di Santa Maria in Portico in Campitelli. All Rights Reserved. Powered by VICIS | Privacy Policy