Cookie Consent by Popupsmart Website
  • +39 06 68803978
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Sante Messe Festive 10.00-18.30 | Feriali 7.30-18.30
itendees
Sabato, 26 Marzo 2022 11:18

Figli liberi

Vota questo articolo
(0 Voti)

Un figlio che scappa, un padre che corre, un fratello che sbatte la porta. Ha un prezzo la libertà? Si può solo comprendere quando la sperimenti come un dono, come una possibilità per aprirti all’altro. E’ la fatica di generare figli che poi ti lasciano per ritornare carichi dei loro vissuti, di accogliere quelli che hai in casa e che scopri cresciuti all’ombra del dovere, senza il piacere di essere figli e basta. Difficile arte quella del genitore e dell’educatore, che Gesù fa fiorire in una delle più belle parabole del vangelo. La Bibbia conosce figli che mormorano nei confronti di un Dio che ha la pretesa di libertà. Anche qui il prezzo della figliolanza e un parto generativo, che diventa un patto di amore reciproco. Israele comprenderà tutto questo, dopo i quarant’anni nel deserto e la tentazione di ritornare schiavi di chi ti nutre togliendoti la libertà. Passato il Giordano, Israele celebra la sua Pasqua di libertà, mangiando i frutti non coltivati. Oltre il Giordano, con la schiavitù ormai alle spalle, gusta il dono della figliolanza. Dio che ha parlato a Mosè mi ha generato come figlio. Nella durezza del deserto ha parlato al mio cuore, ora egli realizza le sue promesse. Gesù, ricorda questa straordinaria storia di amore liberante, mentre si trova  a tavola, spezzando il pane con i peccatori e prestando orecchio al mormorio dei giudicanti. Compito del discorso parabolico è quello di far venire alla luce chi sono, quali sono gli atteggiamenti del mio cuore. Gesù in questo, è una straordinaria levatrice, che fa nascere nel cuore dell’ascoltatore il vero giudizio su di sé. Sei un figlio o sei un servo? Il racconto lucano del figlio ritrovato gioca sul rapporto di vicinanza-lontananza, partenza ritorno, uscita-ingresso, che non hanno solo valore spaziale, ma indicano l’accessibile intimità del Padre, disposto ad accogliere e nello stesso tempo ad educare chi si appella alla formale giustezza. L’amore non ha prezzo, eppure lo sconvolgente messaggio di questo Vangelo è indicato da quella donazione oltre misura che rivela chi è, e fino a che punto arriverà il donante. Il figlio convinto di possedere tutto (ricchezza, felicità, autonomia), ha già perso tutto in partenza, gli manca l’essenziale per vivere: l’amore del padre, senza il quale ogni bene, ogni possesso, perdono il proprio valore e il significato di esistere. La parabola sviluppa le condizioni che Gesù ha già indicato per un’autentica sequela: “chi di voi non rinuncia a tutti i suoi averi non può essere mio discepolo”. Nella scena non si parla mai della madre, tuttavia la menzione di un affetto così profondo e la capacità di andare oltre la miseria, mettono insieme il vigore della fermezza e la dolcezza della carità senza limiti. La paternità, manifesta l’aspetto libero dell’amore di Dio, la maternità individua quello necessario che fonda la nostra libertà.  Il padre lascia parlare il figlio perché la confessione che esprime il pentimento fa bene, è liberante. Non accetta però le conclusioni proposte. Il padre rimane padre e il figlio ritorna ad essere tale. Le parole del padre sono sostituite dai gesti che valgono assai più di qualsiasi giustificazione. Vestito, anello, calzari, vitello, banchetto nuziale, sono i segni della dignità ristabilita per amore. Tale dignità ritrovata ci fa comprendere il rapporto nuovo con il quale l’uomo d’ora in poi può accostarsi a Dio. Non è più necessario togliersi i calzari per avvicinare la sua santità, ma è lui stesso che ce li fa indossare quale segno della libertà conquistata a caro prezzo.

Davide Carbonaro

Letto 468 volte
Altro in questa categoria: « Il fico svogliato Un soffio sulla sabbia »

Condividi sui social

Contatti

icona smp ombra

Parrocchia di Santa Maria
in Portico in Campitelli

Piazza Campitelli, 9
00186 Roma Italia
Tel. e fax Parrocchia: 06.68 80 39 78
Tel. e fax Comunità: 06.68 74 28 5
santamariainportico@vicariatusurbis.org 

Orari Sante Messe

Sante Messe Festive 10.00-18.30

Feriali 7.30-18.30

Video

Nuvola di TAG

Links

Visita i nostri links amici.

Storia dell'Imagine,

e Chiesa di Santa Maria in Portico di Campitelli.

San Giovanni Leonardi

Narrazione dell'immagine di Santa Maria in Portico

© 2024 Parrocchia di Santa Maria in Portico in Campitelli. All Rights Reserved. Powered by VICIS | Privacy Policy