Cookie Consent by Popupsmart Website
  • +39 06 68803978
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Sante Messe Festive 10.00-18.30 | Feriali 7.30-18.30
itendees
Sabato, 22 Luglio 2023 15:11

La doppia semina

Vota questo articolo
(0 Voti)

Tutti abbiamo presente il buon grano, la sua radice esile, la sua elegante statura e come si lascia accarezzare dal vento durante il periodo della crescita. Accanto a lui la zizzania, nodosa, resistente, intrigante. All’inizio è difficile distinguere le due piante. La parabola di Gesù racconta la storia di ciascuno di noi, delle nostre vite. Tutti siamo chiamati a convivere con il male che all’inizio si nasconde, si confonde, sembra alle volte che ci sostenga. Ma crescendo, maturando, scopriamo che il suo scopo è decentrarci da Dio, da colui che vuole il nostro bene, la nostra felicità.  La storia dell’umanità si svolge attraverso questa doppia semina, una astuta, l’altra generosa. Una attenta a paralizzare la vita, l’altra ad alimentare il dono. Questo singolare intreccio ha come legge la pazienza, disarmante forza della non violenza spirituale. Il male non è per la sconfitta, ma per l’esaltazione del bene: mediante la misericordia diventiamo figli del Padre. Se Dio nel bene si rivela come dono, nel male si rivela nella sua essenza più intima, come perdono, amore senza condizioni e senza limiti. Chi illumina allora il nostro sguardo interiore, la nostra capacità di discernere tra il bene e il male?  Lo Spirito, che viene in aiuto alla nostra debolezza, afferma Paolo, Egli ci consegna  lo sguardo positivo del Creatore che scruta i cuori. L’uomo diviso che è in noi, ha desideri contrari allo Spirito, chiede di strappare subito ciò che è cattivo, immaturo, infantile. Il Signore risponde: abbi pazienza, non agire con durezza. Se ti fidi di me, lascerò che in te maturino le grandi passioni positive, i desideri dello Spirito che sgorgano nella loro bellezza  e potenza. Tu da parte tua  lascia che le tenebre si dissolvano e la zizzania si ritiri e non trovi più terreno fertile. Il buon grano è la vita in Dio, misericordioso e clemente, ricco di grazia e grande nell’amore; egli si lascia impietosire dalla miseria umana (cfr. Sal 85). Chi è senza pazienza ed esigente, distrugge invece il buon grano, la vita di Dio che è in lui. Parabola che è elogio della piccolezza e semplicità evangelica. Il bene ha in sé la caratteristica divina di prendersi cura. Si tratta della disarmante garanzia che ci permette di combatte la buona battaglia del Vangelo.  Gesù predilige i contrasti, quelli veri che permettono di guardare oltre: piccolezza del seme, grandezza dell’albero; impurità del lievito (un po’ di farina andata a male) e la sua capacità di smuovere la massa e fermentarla.

Davide Carbonaro

Letto 292 volte
Altro in questa categoria: « Ascoltare e comprendere Nascosto »

Condividi sui social

Contatti

icona smp ombra

Parrocchia di Santa Maria
in Portico in Campitelli

Piazza Campitelli, 9
00186 Roma Italia
Tel. e fax Parrocchia: 06.68 80 39 78
Tel. e fax Comunità: 06.68 74 28 5
santamariainportico@vicariatusurbis.org 

Orari Sante Messe

Sante Messe Festive 10.00-18.30

Feriali 7.30-18.30

Video

Nuvola di TAG

Links

Visita i nostri links amici.

Storia dell'Imagine,

e Chiesa di Santa Maria in Portico di Campitelli.

San Giovanni Leonardi

Narrazione dell'immagine di Santa Maria in Portico

© 2024 Parrocchia di Santa Maria in Portico in Campitelli. All Rights Reserved. Powered by VICIS | Privacy Policy