Cookie Consent by Popupsmart Website
  • +39 06 68803978
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Sante Messe Festive 10.00-18.30 | Feriali 7.30-18.30
itendees
Sabato, 02 Giugno 2018 14:10

“Lo spezzò”

Vota questo articolo
(0 Voti)
commento 03-06-18Nel pasto pasquale, Israele faceva memoria, cioè riproponeva ritualmente la parola e l’azione di Dio. Gesù ora, ne è l’autentico interprete e spiega, soprattutto con i gesti, il significato e il senso della sua morte che è compimento del piano di Dio e instaurazione della Nuova ed eterna Alleanza. In essa vengono portati a compimento i pasti con i peccatori, con la moltitudine e gli amici che hanno percorso con lui il cammino fino a Gerusalemme. L’ambientazione del brano di Marco è chiara: la cena del Signore viene celebrata nel primo giorno degli Azzimi, cioè quando è immolato l’agnello identificato con la Pasqua: “immolare la Pasqua” (Mc 14,12). C’è una signoria profetica nell’indicare la preparazione del pasto e nel compimento dell’azione rituale. Marco durante la cena non nomina l’agnello, la sostituzione è chiara, Cristo Gesù è l’Agnello della Pasqua, colui che sta per essere immolato. In quell’ultima sera con i suoi, il Maestro non celebra solo la liberazione d’Israele, ma quella di tutti gli uomini che avverrà con il suo sangue. Il nostro brano liturgico salta la rivelazione del traditore e passa all’istituzione dell’eucaristia che diventa il segno narrante l’avvenuta consegna nelle mani di chi lo tradisce. Alla duplice benedizione sul pane e sul calice, Gesù dà un significato nuovo, è una pasqua nuova, celebrazione e realizzazione della Pasqua in cui Gesù, è la vittima che dà la vita in riscatto per molti. Ecco, l’identificazione del pane con il corpo e del calice con il sangue. Nella lingua aramaica l’espressione corpo equivaleva a persona e sangue a vita; è Gesù che offre se stesso: la totalità della sua persona e della sua vita consegnate per sempre. Con questi gesti e queste parole è rivelato ai dodici il valore salvifico della sua morte ed è compiuta la nuova ed eterna Alleanza. La Pasqua ebraica cede il passo alla Pasqua cristiana perché l’Agnello non è più immolato nel Tempio, ma in mezzo alla comunità dei discepoli, una comunità povera, peccatrice, chiamata a ripetere il gesto di Gesù nell’attesa in cui berrà il frutto della vite con lui nel suo Regno.

Davide Carbonaro
Letto 1819 volte

Condividi sui social

Contatti

icona smp ombra

Parrocchia di Santa Maria
in Portico in Campitelli

Piazza Campitelli, 9
00186 Roma Italia
Tel. e fax Parrocchia: 06.68 80 39 78
Tel. e fax Comunità: 06.68 74 28 5
santamariainportico@vicariatusurbis.org 

Orari Sante Messe

Sante Messe Festive 10.00-18.30

Feriali 7.30-18.30

Video

Nuvola di TAG

Links

Visita i nostri links amici.

Storia dell'Imagine,

e Chiesa di Santa Maria in Portico di Campitelli.

San Giovanni Leonardi

Narrazione dell'immagine di Santa Maria in Portico

© 2024 Parrocchia di Santa Maria in Portico in Campitelli. All Rights Reserved. Powered by VICIS | Privacy Policy