Cookie Consent by Popupsmart Website
  • +39 06 68803978
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Sante Messe Festive 10.00-18.30 | Feriali 7.30-18.30
itendees
Sabato, 02 Novembre 2019 16:00

Statura di uno sguardo

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ormai sei talmente mischiato tra la folla che non ti distingui più: “una stilla di rugiada mattutina caduta sulla terra”. Hai assorbito tutto di noi, tranne la zavorra del peccato. Ci sono occhi che ti cercano per giudicarti, altri per chiedere, altri per conoscerti. Occhi che fanno bello il volto, altri che lo rendono bruto. Ma tu ci hai fatti per te, e se i nostri occhi non sostengono il tuo sguardo, cerchi la tua creatura: amante della vita! Noi non sappiamo cosa abbia spinto Zaccheo a gettare il suo sguardo sulla folla: curiosità, desiderio di vedere il rabbi dei miracoli, paura di essere riconosciuto. Sappiamo che una forza, un desiderio del suo animo , lo spinge a salire sull’albero. Zaccheo è stanco della sua statura fisica ed interiore? Non lo sappiamo! Lo rivelerà lui stesso in seguito. Egli ora è sull’albero, come un frutto, nell’attesa di essere raccolto. Gerico è l’oasi dei frutti che maturano tutto l’anno, Gesù vi passa perché il frutto del suo amore, della sua donazione, sta per maturare nella Gerusalemme che uccide i profeti. Più tardi nei pressi del Tempio, cercherà frutti da un albero di fico. Lo troverà bello, ma vuoto; apparente, ma inutile; condannandolo al suo destino. Lo sguardo di Gesù su Zaccheo è dal basso verso l’alto, come quello della supplica di Lazzaro, della vedova, del pubblicano. In lui, Dio si pone dal basso, come un povero, mendicante di uno sguardo. Devo fermarmi a casa tua. Non un obbligo, ma il sogno di Dio, abitare la casa dell’umanità. Vengo io da te per condividere quello che sei e quello che hai. La tavola dei peccatori, degli esclusi. Gesù non chiede nulla a Zaccheo, non è nel suo stile, con la sua presenza inaugura il dono di sé. Da questo dono Zaccheo comincia a rivoltare il suo cuore. Lo fa in piedi recuperando una statura perduta. E comincia proprio dal verbo dare, moltiplicando quanto la legge mosaica chiedeva: “quattro volte tanto”. Cosa lo spinge all’eccesso? Cosa ha visto in quel rabbi tutto occhi e cuore per lui? Una misericordia smisurata che non costringe, ma libera. Una amicizia senza pregiudizio che rivela chi sei: figlio, nel quale da oggi abita la salvezza.

Davide Carbonaro
Letto 661 volte
Altro in questa categoria: « Dio dei Nomi Camminanti »

Condividi sui social

Contatti

icona smp ombra

Parrocchia di Santa Maria
in Portico in Campitelli

Piazza Campitelli, 9
00186 Roma Italia
Tel. e fax Parrocchia: 06.68 80 39 78
Tel. e fax Comunità: 06.68 74 28 5
santamariainportico@vicariatusurbis.org 

Orari Sante Messe

Sante Messe Festive 10.00-18.30

Feriali 7.30-18.30

Video

Nuvola di TAG

Links

Visita i nostri links amici.

Storia dell'Imagine,

e Chiesa di Santa Maria in Portico di Campitelli.

San Giovanni Leonardi

Narrazione dell'immagine di Santa Maria in Portico

© 2023 Parrocchia di Santa Maria in Portico in Campitelli. All Rights Reserved. Powered by VICIS | Privacy Policy