• +39 06 68803978
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
itendees
Sabato, 21 Novembre 2020 09:37

“Signore quando mai?”

Vota questo articolo
(0 Voti)

E’ come se questa parabola, posta da Matteo nei giorni ultimi del ministero messianico di Gesù, raccogliesse in una mirabile sintesi quanto egli ha detto e ha fatto. Il suo sguardo sugli ultimi e i poveri, sugli ammalati e gli esclusi. La sua mano su chi è piagato dalla vita e dal giudizio degli altri. Così l’umile maestro di Nazareth acclamato Re e Pastore, mentre entra nel cuore di Gerusalemme che uccide i profeti e custodisce il segreto grido dei giusti, siede sul trono della croce per dire che l’amore è l’unica misura. Riceviamo che cosa? Quanto abbiamo già preparato, quanto già è a noi noto. Vivremo lo stupore dei semplici: “Signore quando mai?”. Già perché accogliere l’umano bisogno, le esigenze del cuore non fa rumore, ma scrive la storia, edifica con pazienza il Regno, ne è il suo intimo lievito. L’eredità c’è stata data in anticipo, non la dobbiamo acquistare né conquistare, ma è in quei sei tratti che costituiscono il volto del Figlio dell’uomo e di ogni uomo sulla terra. Lì, dentro la fame, la sete, lo scarto, la nudità, le ferite, la prigionia, ritroviamo il volto di Dio e il volto dell’uomo, intimamente congiunti. Lì, dentro gli affaticati e oppressi della storia ritroveremo le nostre fatiche, i dubbi, le ferite insieme a tutto il bene che possiamo fare e ricevere. Allora la sorpresa sarà, che alla fine, non incontreremo  il Dio con il dito puntato e con la calcolatrice, ma colui che raduna tutti accanto a sé, pecore e capre. Ci saremo tutti chi lo ha accolto subito; chi ci ha ripensato e ad intermittenza e con fatica lo ha seguito; chi ostinatamente  lo ha rifiutato. Il nostro re, un Dio folle, pazzamente innamorato dell’umanità, tanto da nascondersi nei gesti feriali di chi soccorre la miseria altrui, il disagio dei piccoli, le lacrime degli afflitti, il sopruso dei poveri. Lo avete fatto a me! Cosa sarà questo giudizio che temiamo, che coloriamo di paura, falsando ancora il volto del bel buon Pastore? Una occasione perduta che ci farà appunto esclamare; “che peccato!”. Ti ho avuto a portata di mano e non mi sono accorto di te. Mi hai raggiunto in quella mano aperta e sono passato oltre, mi hai fatto tanti doni e li ho tenuti per me! Che peccato! Il giudizio ce lo daremo noi se avremo fatto o non fatto se avremo accolto o non accolto, se avremo amato o non amato. In questo svelamento ultimo della verità su Dio e sull’uomo, solo l’amore dato e ricevuto rimarrà, tutto il resto sarà bruciato nel “fuoco inestinguibile” perché non aveva niente a che fare con me. Il Re Pastore che “passa in rassegna” il suo gregge disperso: radunerà, fascerà, curerà, pascerà, vaglierà tutto nel suo inimmaginabile amore.

Davide Carbonaro

Letto 38 volte

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Contatti

icona smp ombra

Parrocchia di Santa Maria
in Portico in Campitelli

Piazza Campitelli, 9
00186 Roma Italia
Tel. e fax Parrocchia: 06.68 80 39 78
Tel. e fax Comunità: 06.68 74 28 5
santamariainportico@vicariatusurbis.org 

Video

Newsletter

Nuvola di TAG

Links

Visita i nostri links amici.

Storia dell'Imagine,

e Chiesa di Santa Maria in Portico di Campitelli.

San Giovanni Leonardi

Narrazione dell'immagine di Santa Maria in Portico

© 2020 Parrocchia di Santa Maria in Portico in Campitelli. All Rights Reserved. Powered by VICIS